Vaccini nei luoghi di lavoro: le direttive del Garante Privacy

Vaccini nei luoghi di lavoro: le direttive del Garante Privacy

Pubblicate le indicazioni del Garante della Privacy sulle vaccinazioni nei luoghi di lavoro.

Approvata la normativa che autorizza l’istituzione di punti straordinari di vaccinazione anti-Covid 19 nei luoghi di lavoro, con la collaborazione dei medici del lavoro, il Garante ha chiarito le direttive privacy di tale attività.

Ecco gli snodi principali del documento:

  • L’attività di vaccinazione nei luoghi di lavoro deve avvenire nel pieno rispetto del GDPR e delle normative in vigore
  • Deve essere mantenuta la distinzione di ruoli tra medico competente e datore di lavoro: il titolare del trattamento dati degli interessati è sempre il medico competente
  • Il datore di lavoro non può raccogliere informazioni sulla volontà del dipendente a sottoporsi o meno alla vaccinazione, sulla avvenuta somministrazione o meno del vaccino e sulle condizioni di salute dei lavoratori
  • Il datore di lavoro può indicare al medico competente le modalità e i criteri per programmare le sedute vaccinali, ma senza che ciò possa comportare il trattamento di dati personali relativi alle adesioni dei lavoratori
  • Il Garante stabilisce che i locali aziendali adibiti alla somministrazione dei vaccini dovranno avere delle caratteristiche idonee a escludere che i colleghi di lavoro o altri soggetti terzi possano conoscere l’identità dei dipendenti che hanno aderito
  • Per il tempo utilizzato per vaccinarsi, il lavoratore potrà giustificare l’assenza attraverso il rilascio di un’attestazione di prestazione sanitaria generica redatta da parte del soggetto che ha somministrato il vaccino

Contattaci per una consulenza privacy ad hoc